Non occorre attendere necessariamente domani per ricordare la catastrofe dell’11 marzo dello scorso anno avvenuta in Giappone, dove un sisma di magnitudo nove seminò morte e distruzione. Abbiamo ancora davanti agli occhi le immagini del disastro prodotto dallo tsunami susseguente al terremoto; per non dire di quelle, raccapriccianti, dei reattori esplosi all’interno della centrale nucleare di Fukushima (a rinfrescarci a dovere la memoria di Chernobyl). Mi permetterò, qui di seguito, non per vacuo e ossessivo esercizio letterario, di citare nuovamente alcuni versi della GINESTRA di Giacomo Leopardi, di sconcertante attualità:

Magnanimo animale
non credo io già, ma stolto,
quel che nato a perir, nutrito in pene,
dice, a goder son fatto,
e di fetido orgoglio
empie le carte, eccelsi fati e nove
felicità, quali il ciel tutto ignora,
non pur quest’orbe, promettendo in terra
a popoli che un’onda
di mar commosso, un fiato
d’aura maligna, un sotterraneo crollo
distrugge sì, che avanza
a gran pena di lor la rimembranza
… (versi 98-110 del canto leopardiano)

La rosa della mia fotografia, infine, la offro al valoroso popolo giapponese in una pausa di profondo silenzio condiviso con tutti i visitatori del presente blog.

4 commenti su “

  1. Paolo Buzzacconi

    Grazie, caro Andrea, di comprenderci nel tuo nobile pensiero dedicato al coraggio e alla dignità del popolo giapponese. E grazie di condividere con noi lo sgomento provato di fronte a quest’immane tragedia celebrandolo con un momento di profondo silenzio. Ma grazie anche per aver dato voce a quei meravigliosi versi della Ginestra di Giacomo Leopardi che ci ammoniscono di non cadere nella trappola del “fetido orgoglio”, di non dar credito a chi ci promette “eccelsi fati e nove felicità” talmente impossibili da raggiungere che persino “il ciel tutto ignora”. I padroni del nostro futuro siamo noi, consentire a chi ci governa di operare scelte palesemente sbagliate e immorali è un grave atto di debolezza che non dobbiamo permetterci. Come sempre, Andrea, un grande articolo: dopo un composto, rispettoso silenzio una energica e quanto mai attuale richiesta di onestà e di rigore. I miei complimenti ed un caro saluto.

  2. andreamariotti Autore articolo

    Grazie a te, Paolo, per la tempestività con la quale sei intervenuto. Appositamente nel mio articolo ho impiegato poche parole, preferendo, come hai ben compreso, dare la parola ad un Leopardi -con la sua GINESTRA- innegabilmente dentro le cose: poeta che contempla attivamente e profeticamente gli eventi naturali e i mali dell’uomo, senza più il rassicurante schermo d’una siepe…ma tornando a noi: che si parli maggiormente di Fukushima e di disoccupazione e povertà nel mondo; e meno di questo maledetto spread che negli ultimi mesi ci ha narcotizzati a dovere, quasi fosse possibile immaginare tuttora una “crescita” economica ad libitum, in “spensierato rigore”! (e scusatemi l’ossimoro venuto sul momento, o potenti!). Un saluto cordiale a te, caro Paolo.

  3. maria rizzi

    Carissimo Andrea,
    mi unisco a Paolo nel estenderti la più viva ammirazione per la sollecitudine con la quale ci consenti di non dimenticare gli episodi drammatici che hanno sconvolto il mondo. E cosa dire della scelta dei versi , che senza fiato, ti ho ascoltato recitare?
    Il Leopardi del canto di denuncia sociale metteva in guardia i popoli dalle colate laviche del Vesuvio, dal ‘fiato d’aura maligna’… Quanti fiati ‘avanzano’ e ci rendono consapevoli della nostra caducità?
    Ricordare e onorare il terribile evento che sconvolse il Giappone è un monito ai nostri deliri di onnipotenza, alla stolta certezza che il male sia sempre ‘altrove’…
    per dirla con il grande Recanatese: ” a goder son fatto” …
    La rosa è augurio di primavera per il popolo tanto provato e a essa unisco virtualmente, fasci di margherite, in quanto al dolore nulla arreca più forza dell’umana solidarietà, dell’Amore!
    Grazie infinite per i tuoi contributi, amico mio e un forte abbraccio!

  4. andreamariotti Autore articolo

    Grazie, cara amica, per le tue parole ed anche per i fiori che intendi aggiungere alla mia rosa. L’impegno rigoroso e radicale che mi sono assunto l’anno passato nel memorizzare LA GINESTRA, era motivato in effetti dalla consapevolezza di confrontarsi con un canto inesorabile e spiazzante; e questo al di là dell’amore profondo che nutro per la poesia di Leopardi. La catastrofe giapponese la dice lunga sulla forza di verità della GINESTRA! Un abbraccio da parte mia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.