pudicizia

Con questa foto (non mia) di un capolavoro del Corradini, la velata Pudicizia (1751) che si può ammirare a Napoli all’interno della Cappella Sansevero, intendo questa sera onorare Enrico Berlinguer, nel trentesimo anniversario della sua scomparsa. Ho appena finito di vedere in televisione, su Rai Storia, un breve programma dedicato allo statista (nel senso più nobile del termine) dal titolo La voce di Berlinguer; intimamente toccato da quello che definirei un geniale ossimoro televisivo: le parole risentite e vibranti del segretario del PCI sulla QUESTIONE MORALE -intorno alla quale Berlinguer scrisse appositamente uno snello e memorabile libretto negli ultimi suoi anni- contrapposte, tali parole, alle facce sornione e gaudenti degli italiani concentrati sulla pastasciutta (immagini in bianco e nero, nel suddetto programma, prima di risultare, queste stesse facce…di tutti i colori, nei tempi più recenti, in quanto a divisa politica e nequizie d’ogni genere, sul corpo inerte della nostra società (rammentando un passaggio dell’orazione funebre di Alberto Moravia ai funerali di Pier Paolo Pasolini). Non è passatismo, questo: inascoltato e deriso finanche dalla craxiana Milano da bere dei primi anni Ottanta, Enrico Berlinguer insisteva non moralisticamente sulla urgenza della QUESTIONE MORALE, in relazione a un paese come il nostro dalle infinite Tangentopoli  davvero in crescita esponenziale, come abbiamo ben visto.

Leave a Reply