Giglio di San Giovanni

 

GIGLIO  DI  SAN  GIOVANNI

 

Domenica in montagna

dal sole rallegrata,

in questa estate bigia

che l’animo incupisce.

Parlavo, lo ricordo bene,

del godimento di vette

e fiori e tu che mi ascoltavi,

o rosso lampo ai margini

della faggeta oscura!

 

Andrea Mariotti, poesia inedita del 31.7.14

 

 

 

4 commenti su “

  1. Bianca 2007

    Bella. Un lampo di freschezza per questa estate che alterna il cupo al bruciante caldo. Mirka

  2. andreamariotti Autore articolo

    Grazie. Un piccolo canto alla poesia della natura che ci spinge a guardare in basso, a parte la contemplazione delle vette.

  3. Grazia

    A guardare bene, l’invisibile appare agli occhi di chi sa vedere al di là, al di sopra e al di sotto della consueta linea mediana e cogliere l’incanto di quegli “esemplari” unici che arricchiscono il pensiero poetico e la vita.

  4. andreamariotti Autore articolo

    In effetti, ricordandomi credo involontariamente degli Impressionisti, ho cercato con i miei semplici versi di rendere l’immediatezza della visione: il “rosso lampo” di bellezza di questo splendido giglio, lilium croceum, che nobilita con la sua presenza i prati montani fra giugno e luglio. Un caro saluto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.