2014-07-03 12.24.19

Mia la foto qua sopra scattata la scorsa estate del Castagno Miraglia, nella foresta di Camaldoli (Arezzo). Doveroso precisare ciò in quanto oggi, in occasione della Giornata nazionale dell’albero, la versione on line del quotidiano La Repubblica ha mostrato una sequenza bellissima di veri e propri patriarchi arborei, Castagno Miraglia incluso. Ora a tale stupendo albero io ho dedicato a suo tempo la parte conclusiva della lirica Nel crepuscolo (apparsa nel presente blog in data 15.10.2010 e 30.5.2011) qui di seguito leggibile; non senza aver rammentato -come possibile suggerimento di lettura- il nome di Tiziano Fratus, lo scrittore cui si devono svariati libri sul patrimonio forestale italiano:

 

“…Salute a te, o venerando Castagno

Miraglia che da più di cinque secoli

vivi nella foresta di Camàldoli!

volgendoti le spalle nel crepuscolo

ho percepito, credo, un moto tuo

di affetto per noialtri condannati

alla stoltezza.”

 

Versi estrapolati dalla poesia Nel crepuscolo, di Andrea Mariotti, ora inclusa in Scolpire questa pace, Edizioni Tracce, 2013.

7 commenti su “

  1. Francesco

    Gli alberi sono esseri splendidi che sostengono il cielo e giocano con le nuvole,
    testimoniano il tempo che scorre inesorabile.
    Monumenti vivi che rappresentano la storia che nutre la nostra memoria,
    portandola essi stessi nel futuro che non ci appartiene,
    finché la stoltezza del profitto non invade i nostri miserabili sguardi.

    Un caro saluto
    Francesco

  2. andreamariotti Autore articolo

    Questo bellissimo commento di Francesco Casuscelli va lasciato così, condividendolo appieno senza necessità di aggiungere alcunché da parte mia. Un caro saluto a Francesco

  3. Sonia Giovannetti

    Conoscevo questa bellissima poesia, caro Andrea. Rileggerla oggi, in occasione della Giornata nazionale dell’albero, mi emoziona particolarmente. Ti ringrazio di averla riproposta.
    Un saluto e un grazie anche a Francesco per la bella riflessione.

    Sonia Giovannetti

  4. andreamariotti Autore articolo

    Grazie a te, cara Sonia, per l’attenzione rivolta alla mia lirica. Un albero come il Castagno Miraglia è un venerabile vegliardo che non poteva non essere onorato da me ieri, nella ricorrenza che sappiamo. E concordo con te nel trovare il commento di Francesco indovinato e felice. Un saluto anche da parte mia

  5. Roberto De Luca

    Ricordo che, già a suo tempo, feci i complimenti a questo bel finale e alla tua poesia dal titolo ‘Nel crepuscolo’. Un incontro, un saluto e un abbandono che non è un addio, bensì un arrivederci al Castagno Miraglia il quale, come un amico saggio, o meglio, come un padre, ci osserva da lontano e, con affetto, seppur deluso, continua a conservare in sè la speranza di quei ravvedimenti che sarebbero necessari per uscire da questo periodo gravido di stoltezze di ogni genere…
    Ciao Andrea
    Roberto

  6. andreamariotti Autore articolo

    Sì, Roberto, ricordo bene il tuo apprezzamento per la lirica Nel crepuscolo…naturalmente, a far data dal 2010, anno in cui ebbi a scriverla, la situazione del nostro paese è andata al di là di ogni più cupa previsione. Forse bisognerebbe avere pronto da subito un iper-testo, nello scrivere versi d’intonazione civile dalle nostre parti (non è un buttarla oziosamente in politica: di fatto, un noto Pregiudicato nel Belpaese è divenuto Padre Costituente, negli ultimi tempi…). Ti saluto anch’io cordialmente, Roberto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.