immag003

 

Forse un mattino andando in un aria di vetro,

arida, rivolgendomi, vedrò compirsi il miracolo:

il nulla alle mie spalle, il vuoto dietro

di me, con un terrore di ubriaco.

 

Poi come s’uno schermo, s’accamperanno di gitto

alberi case colli per l’inganno consueto.

Ma sarà troppo tardi; ed io me ne andrò zitto

tra gli uomini che non si voltano, col mio segreto.

 

 

EUGENIO  MONTALE

 

 

2 commenti su “

  1. Fiorella D'Ambrosio

    La lirica di Montale che oggi, Andrea, ci offri alla lettura, esprime in poche immagini una intuizione, direi, filosofica: la poesia come rivelazione improvvisa, “il miracolo del nulla” che toglie ogni illusione. E’la scoperta della irrealtà del mondo, del “vuoto” in cui ci muoviamo tra false apparenze, la negazione, “l’inganno consueto” della natura, di leopardiana memoria. Grazie per aver riproposto sul tuo sito versi in cui si colgono i due veri punti di forza della poesia di Montale, individuati da G.De Robertis:il linguaggio netto ed esattissimo e la capacità di dare alle verità più sofferte un aspetto simbolico. Un caro saluto.

  2. andreamariotti Autore articolo

    Grazie a mia volta, Fiorella, per il tuo puntuale, bellissimo e autorevole commento, al quale nulla intendo aggiungere se non la mia consapevolezza che certi testi “canonici” continuano davvero a “bucare” la pagina, situandosi ben al di là d’una consacrata letterarietà…solo a volerli rileggere con occhi lucidi e attenti. Un caro saluto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.