Non le hanno trasmesso (insegnato sarebbe eccessivo) di generazione in generazione altro all’infuori di giocare sporco nonché mirare basso; ad osservarla, risulta una ragnatela d’infinite consorterie. Irrispettosa per istinto (e lungo affinamento) d’ogni regola del vivere civile. Aliena dal sentimento della responsabilità individuale, al punto di passare dalla parte della ragione con infinita disinvoltura sentendosi in torto. E’ la maggioranza non silenziosa d’oggi, che cozza contro chi difende con robusta dose di stress quotidiano l’esercizio critico del pensiero.

 

Andrea  Mariotti

 

 

Leave a Reply