NATALE

 

Natale. Guardo il presepe scolpito,

dove sono i pastori appena giunti

alla povera stalla di Betlemme.

Anche i Re Magi nelle lunghe vesti

salutano il potente Re del mondo.

Pace nella finzione e nel silenzio

delle figure di legno: ecco i vecchi

del villaggio e la stella che risplende,

e l’asinello di colore azzurro.

Pace nel cuore di Cristo in eterno;

ma non v’è pace nel cuore dell’uomo.

Anche con Cristo e sono venti secoli

il fratello si scaglia sul fratello.

Ma c’è chi ascolta il pianto del bambino

che morirà poi in croce fra due ladri?

 

SALVATORE  QUASIMODO

 

 

p.s. i miei auguri per le prossime festività ai visitatori del blog…A/M

 

 

2 commenti su “

  1. Fiorella d'Ambrosio

    Ho piacevolmente riletto i versi di Salvatore Quasimodo che rievocano l’importante festività del Natale ormai alle porte, facendoci rivivere la gioia dell’attesa con lo stupore e la dolcezza dell’infanzia: caldi ricordi, nostalgie che sanno disegnare sentimenti ed atmosfere emotive e creare, in clima di spiritualità, un’intensa rete di meditazioni consolatrici dell’esistenza. A questa bella lirica -da te indicata- non posso non accostare, nel ricordo, altre composizioni che -in tempi lontani- emozionavano il mio animo come oggi: “La notte Santa” di Gozzano; “Il magico Natale” di Rodari; “A Gesù bambino” di Saba; “Natale “di Ungaretti. Grazie, Andrea, per averci fatto ritrovare e godere ancora una volta, con la tua lodevole citazione, la magia della parola poetica.

  2. andreamariotti Autore articolo

    Mi è piaciuto rileggere questi versi di Quasimodo, Fiorella, per un sostrato leopardiano abbastanza evidente in essi: quello della Quiete, a parer mio (dove, come ben sappiamo, l’apparente “quadretto” bucolico della prima strofe altro non è se non il vestibolo di una amara e ironica apostrofe del Recanatese alla “Natura cortese”). In sostanza i versi di chiusa della lirica di Quasimodo inducono a riflettere, e mi sono sembrati attuali e appropriati in merito al nostro vivere concitato e sconnesso (capace di addobbi natalizi dal primo di dicembre, a radicale detrimento del senso dell’attesa, per quanto concerne il Natale). Un caro saluto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.