De senectute, ovvero di una maleducazione di massa ormai all’apogeo

 

Uno decide dopo una brutta influenza di tornare a camminare in una giornata bellissima (di precoce primavera) non distante da Roma, per misurare bene i propri passi senza affaticarsi indebitamente. A verifica effettuata dell’anello di Veio da Isola Farnese, giusto pertanto il meritato e sobrio pranzo da consumare seduti su una panchina della solinga piazzetta del borgo (in foto), con un bel sole caldo quale condimento…solinga ho appena scritto? Illusione! Pochi secondi e squilla un cellulare, a introdurre la voce gracchiante e a squarciagola di un vegliardo (del tutto mancato nel senso nobile di questo termine, a dire il vero…) seduto non distante da me. Siccome la faccenda si prolunga (con evidente e prepotente “privatizzazione” della piazzetta da parte del forse inconsapevole ma non per questo meno fastidioso e canuto soggetto), ecco che con molto tatto gli dico (volendomi godere a tutti i costi il momento di relax): ” Scusi, potrebbe abbassare un pochino la voce?”. La sua affilata e spiazzante risposta: ” Ma a chi dà fastidio?”…per continuare poi come se niente fosse inducendomi ad andarmene, con nostalgia di quell’ attimo di pace soltanto vagheggiato e smentito dai fatti. Posso dire che proprio non se ne può più di questa maggioranza urlante e scostumata senza limiti di età che ci prende di petto, ai fianchi e anche per il sedere?

 

Andrea Mariotti

 

 

2 commenti su “

  1. Fiorella D'Ambrosio

    Come suonano lontane e inattuali le parole che Cicerone (“De senectute”-opera da te opportunamente citata-) fa pronunciare a Catone il Censore: “…nelle vecchiaia si possono utilizzare armi quali la conoscenza e l’esercizio della virtù…” Oggi, il rispetto delle regole e delle persone in generale, la serietà e la maturità dell’età virile hanno ceduto il posto al libertinaggio, alla licenza di fare ciò che si vuole e quando si vuole. Tutto e’ permesso, tutto è lecito e, come qualcuno afferma, “l’ineducazione è la frontiera della nuova inciviltà”. Un caro saluto.

  2. andreamariotti Autore articolo

    Nulla da aggiungere a questo pertinente commento, Fiorella, se non il ricordo della “denuncia disperata e inutile” del luterano Pasolini a proposito del mostruoso permissivismo che ha deformato l’uomo (cioè il consumatore). Un caro saluto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.