6 aprile 2009/ 6 aprile 2019 decennale del terremoto abruzzese

 

QUELLA SERA DI APRILE

 

O fontanile di Campitello,

zampilla ancora l’acqua tua?

e tu, agrifoglio dei Lucrètili

monti, sempreverde barbaglio,

come parli al mio cuore!

ma ecco, all’orizzonte, bianche

del Gran Sasso le cime: zanne

d’un elefante acceso d’ira

per l’umana miopia.

 

Andrea Mariotti, dalla silloge Scolpire questa pace, 2013

 

 

2 commenti su “

  1. Fiorella D'Ambrosio

    Di forte impatto emotivo, questi tuoi versi, Andrea che, con amara ironia, ricordano -nel suo decimo anniversario – il drammatico terremoto in Abruzzo con perdite di vite umane e distruzione di un patrimonio storico e architettonico di inestimabile valore. Aperta ed efficace denuncia dell’incuria e della”umana miopia”.

  2. andreamariotti Autore articolo

    Dieci anni sono già trascorsi da questa tragedia, Fiorella, e penso tuttora con particolare dolore ai giovani periti all’interno della Casa dello Studente: diversi di loro, lunedì 6 aprile 2009, avrebbero dovuto sostenere un esame, e proprio per questo erano rimasti lì a studiare fino all’ultimo; in un luogo tutt’altro che sicuro, come abbiamo ben veduto. Cari giovani che non ci sono più.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.