Ditemi che non è vero, che si tratta di un brutto sogno…Di Maio destinato agli Esteri nel nuovo governo ai nastri di partenza! Ma qui parliamo di un ragazzino prepotente e sconsiderato, che non esitò lo scorso anno a invocare l’ impeachment per Mattarella prima dello sciagurato ” contratto” con la Lega, per tacere della foto a Parigi con la frangia più estremista dei gilet gialli assieme a Di Battista! Del suo inglese a quanto pare del tutto in linea con il suo italiano ( “Ubi Di Maio/congiuntivo cessat“, ho scritto in passato) pure non diremo. Corrado Augias confessò a suo tempo che uno come Di Maio non lo avrebbe voluto avere neppure come amministratore di condominio…e invece stiamo per vederlo insediato alla Farnesina! E che dire della grottesca enfatizzazione del responso della piattaforma Rousseau fin troppo a posteriori rispetto al dirigismo dei vertici pentastellati? Ecco: io mi sento intellettualmente offeso per tutte queste cose al pari di molti, credo; in quanto come non vedere in esse il velo strumentale di una narrazione goffa e infantile atta a violare sistematicamente i dati di realtà? Ma le sottoculture non spariscono per miracolo. Mi spiego meglio: decotto Berlusconi, il berlusconismo è sempre in auge quale inesorabile inquinamento antropologico del nostro paese. Ci siamo forse dimenticati del placet parlamentare a larghissima maggioranza a proposito della panzana berlusconiana di Ruby nipote di Mubarak? E stiamo parlando di un condannato in via definitiva, Berlusconi, che verrà di sicuro glorificato in punto di morte come il Divo Giulio anni addietro, considerando il peggio che avanza (Salvini e non solo lui). E già che ci siamo un grazie anche al PD, di cui non dimentico il rifiuto a suo tempo opposto ai grillini per eleggere insieme Rodotà al Quirinale; nonché nello specifico a Renzi, che un anno fa rispose con il nobile e teoretico argomento dei pop corn alla proposta governativa dei pentastellati; che si rivolsero quindi a Salvini. Già, Salvini. E’ stato messo (anzi, ha fatto tutto da solo) per il momento nell’angolo con l’auspicio di molti, cancellerie europee non ultime. Ma io non mi fido di lui e soprattutto di quella che Orson Welles (alter ego di Pasolini nel film ” La ricotta”) chiamò la borghesia più ignorante di Europa. Quella italiana. Tutto ciò premesso, stiamo a vedere come si muoverà questo nuovo governo comunque affrancato da un ministro dell’Interno quale Salvini, che ha disonorato le istituzioni repubblicane con le sue indegnità e prima ancora cinicamente giocato sulla pelle dei disperati in mare.

 

Andrea Mariotti

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.